Tramezzo a filet con rose

Vi è mai capitato di trovarvi a passeggio tra le bancarelle di un mercatino vintage? A me è capitato qualche giorno fa, e spulciando tra le tante chincaglierie, mi sono imbattuta in questo lavoro: un tramezzo a filet con rose, lungo per bordare un lenzuolo matrimoniale o una tenda da salone. A guardarlo bene noterete che è lavorato a macchina, ma il disegno mi è piaciuto tanto da decidere di creare lo schema delle rose e condividerlo con tutte voi appassionate della tecnica a filet.

tramezzo a filet con rose

Occorrente

  • 100 gr. cotone Babylo DMC 10
  • uncinetto 1,00
Realizzazione

Lo schema si sviluppa su 22 quadretti di larghezza e 16 di altezza.

Ricordate che i quadretti vuoti indicano un punto a rete, i quadretti con la “x” indicano invece i quadretti pieni. Per ottenere un quadretto vuoto, lavorate la prima maglia alta, lavorate poi due catenelle saltando 1 maglia di base, ripetete la lavorazione da una maglia alta.Se invece dovete lavorare un quadretto pieno, lavorate 1 maglia alta, poi lavorate normalmente altre due maglie alte, ed ripetete da 1 maglia alta. Ecco che avrete un quadretto pieno, formato da 3 maglie alte.

Ricordate che per la lavorazione a filet bisogna avviare un numero di catenelle pari e alla fine aggiungere un punto. 

Schema tramezzo a filet con rose

tramezzo a filet con rose

Una volta terminato un pizzo o un centro a filet, dobbiamo stirare il lavoro con molta accortezza: per prima cosa stendiamo il lavoro (che prima abbiamo lavato seguendo le istruzioni sull’etichetta del filato)  sull’asse da stiro, ricopriamolo con un panno bianco e poi stiriamolo delicatamente, tamponando con il ferro il nostro tramezzo e non facendo scorrere il ferro in larghezza ed in lunghezza. (La manopola del ferro da stiro deve essere impostata sul simbolo del “cotone”).

Qui troverai altri modelli di bordure all’uncinetto.

Ci vediamo al prossimo tutorial!

Prendi un uncinetto, sfila un gomitolo e crea con me!”. Buon lavoro da Sofy.L

Se ti è piaciuto il mio tutorial condividilo tramite i pulsanti social che trovi all’ inizio di questo articolo e ricorda di citare sempre la fonte. Grazie.

Se ti piacciono i miei tutorial, seguimi sulla mia pagina Facebook. Buon lavoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato.